Perché il buon vino nasce da una pianta diversa, incontro con Arysta Lifescience per enologi e produttori vitivinicoli venerdì 18 a Palazzo Ravaschieri per Wine & The City.

0

Rispetto della coltivazione, supporto delle funzioni fisiologiche e sviluppo delle naturali difese della pianta dalle malattie sono gli aspetti chiave che consentono di estrarre il potenziale della vite generando uve di alta qualità dalle quali realizzare quindi un vino di altissimo livello. Sono questi i valori di Arysta Lifescience e i temi di cui si discuterà venerdì 18 maggio alle ore 16 presso la Sala Affreschi di E. Marinella nel Palazzo Ravaschieri di Satriano (via Riviera di Chiaia 287).

L’incontro dal titolo “Perché il buon vino nasce da una pianta diversa” è realizzato nell’ambito della Undicesima edizione di Wine&Thecity e vede la partecipazione di Roberto Di Meo, Presidente Assoenologi Campania, e gli interventi di Esteban Colombo Customer Marketing Manager Europe, Middle East & Africa di Arysta, Enrico Boccaletti Marketing Manager Italia Arysta e Giuseppe Depinto Field Marketing & Development Specialist South Italy.

Arysta nasce nel 2015 dall’acquisizione di diverse società operanti nell’ambito della difesa e nutrizione delle colture agrarie ed oggi è una realtà internazionale con 2 miliardi di dollari di ricavi e oltre 4.000 dipendenti presente in più di 100 nazioni fortemente orientata alla sostenibilità e allo sviluppo di strategie di difesa innovative.

In Italia Arysta LifeScience offre una proposta completa che integra la collaudata offerta di mezzi tecnici tradizionali con nuove specialità e prodotti innovativi che si collocano nell’area più avanzata ed “environmental friendly” della difesa e della nutrizione: il settore delle “BioSolutions”. Sono i Bioprotettori ovvero prodotti totalmente naturali, in grado di coniugare protezione delle colture senza apportare residui chimici, con rapidissima degradazione e pieno rispetto per l’operatore e l’ambiente, e i Biostimolanti, prodotti naturali a base di estratti di alghe marine ottenute tramite processo produttivo brevettato in grado di armonizzare lo sviluppo vegetativo, la fioritura o la fruttificazione.

Un approccio innovativo per costruire valore per l’intera filiera e offrire ai produttori argomenti diversi per potenziare le strategie di marketing e comunicazione a supporto del proprio Vino.

Arysta LifeScience vuole essere il partner che fornisce ai produttori soluzioni adatte all’agricoltura moderna perchè, in fondo, abbiamo ricevuto la Terra in prestito e dobbiamo restituirla integra.

Segue degustazione dei vini dell’azienda vinicola Di Majo Norante

 

http://www.arystalifescience.it/

Condividi.

Informazioni sull'Autore

Nato a Napoli (dove tuttora vive) nel 1973, è giornalista pubblicista e responsabile per l'area contenuti de "La Comunicazione". Laureato in Scienze della Comunicazione con tesi in marketing, alterna l'attività giornalistica con quella di consulenza. Ha collaborato anche con "Il Nuovo Salernitano", "ROMA - Cronaca Salerno" e "Metropolis".

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: