Off Club: il supperclub con attitudine cosmopolita dall’aperitivo al dopocena a Casal Barone (Roma).

0

Atmosfera eclettica, vocazione metropolitana e linea contemporanea. Off Club è un’idea innovativa di spazi e funzioni “liquide”. È un luogo che, per il suo progetto visionario e unico, può ricordare certi locali underground delle città mitteleuropee, su esempio dei maggiori supperclub continentali di successo e lungimiranza. Siamo a Casal Bertone per la precisione, dove Matteo Di Persio e Francesco Curcio hanno prima idealizzato, e poi realizzato, questo ambizioso spazio polifunzionale insieme al noto architetto siciliano Antonino Cardillo. Il giovane progettista che ha tenuto lezioni in prestigiose scuole di architettura come l’Architectural Association e il Royal College of Art di Londra. All’attivo vanta pubblicazioni in tutto il mondo: le sue opere sono state anche esposte in diversi luoghi, tra i quali la Casa Museo di Sir John Soane, il Museo Tedesco di Architettura di Francoforte e la Triennale di Milano. “Staccare la spina” dimenticandosi di stare nella capitale: a fare da collante il cibo, il bere e la musica. Off Club è un locale camaleontico per vocazione, esteso su 400 metri quadri fluidamente distribuiti su 3 piani, dove si fondono linguaggi antichi e moderni.

Disegnato, appunto, dal consulente di lunga data della rivista “Wallpaper”, Off Club sotto un soffitto oro grezzo e smalto nero riunisce il cinema di Kubrick e De Palma, le atmosfere di Grand Theft Auto, il distretto art deco di Miami, la musica soul psichedelica, le immagini primordiali di Jung, le illusioni ottiche di Escher, le iconostasi bizantine, i paraventi giapponesi. Dai due banconi di granito nero lunghi ciascuno 7 metri, Patrizio Boschetto si esibisce nelle preparazioni di cocktail d’ispirazione giapponese preparati con lo sciroppo riso, lo yuzu, il sake e la nikka vodka. L’ex bar manager di Achilli al Dom propone una fantasiosa e accattivante carta di drink che ruota intorno 10 signature cocktail combinando distillati, vermouth, infusi e aromi di origine giapponese.

Un beverage così schierato geograficamente non può prescindere da una cucina che guarda a Oriente: quella studiata per Off è una carta con piatti d’ispirazione orientale mescolati alla nostra tradizione, un punto di incontro tra la cucina Occidentale e le tecniche e i sapori dell’Estremo Oriente. Quindi wagyu, ponzu, litchi mescolati ma anche tartufo, zafferano e crema al mascarpone. Off propone due menu degustazione  da 5 o 8 portate: in questo caso la scelta è di affidarsi allo chef per essere condotti alla scoperta dei sapori di Off. In alternativa c’è un’ampia carta che alterna crudi e sushi, ciotole di riso bianco con sashimi, nigiri, uramaki, ramen, cotture al wok, al vapore o alla griglia. I dessert rivisitano in versione nipponica i nostri dolci tradizionali come per il Sushimisù, un roll di riso al caffè e crema di mascarpone o la Torta di mele giapponese, a base di yuzu e gelato fior di latte.
Il risultato: una cornice raffinata, che non perde tuttavia un’aria informale un po’ underground con un calendario di appuntamenti musicali e dj-set.

Contatti Off Club Rome:

Via Di Casal Bertone, 64
00159 Rome, Italy
tel. 06 4977 2523
Aperto tutti i giorni dalle 18 alle 2 – Chiuso il Lunedì

Condividi.

Informazioni sull'Autore

Nato a Napoli (dove tuttora vive) nel 1973, è giornalista pubblicista e responsabile per l'area contenuti de "La Comunicazione". Laureato in Scienze della Comunicazione con tesi in marketing, alterna l'attività giornalistica con quella di consulenza. Ha collaborato anche con "Il Nuovo Salernitano", "ROMA - Cronaca Salerno" e "Metropolis".

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: