Ecco la “Mo.Vi.Da.” vitivinicola, per favorire lo sviluppo di modelli innovativi di viticoltura sostenibile, con la correlata produzione di vino a basso contenuto di solfiti. “Mo.Vi.Da”, infatti, è l’acronimo del progetto agronomico i cui risultati parziali finora ottenuti saranno resi noti venerdì 10 dicembre, alle ore 16, nell’auditorium “Clemente Penna”.

Dopo i saluti del sindaco Antonio Cardillo, il docente Unisannio Ettore Varricchio introdurrà e coordinerà il simposio, a cui interverranno il responsabile tecnico scientifico Unisannio Mariano Mercurio, il referente dell’azienda agricola “Fratelli Perillo” Daniele Perillo, l’enologo Massimiliano Spina e il rappresentante della cooperativa Zirma Rosario Vitale. A concludere, il presidente del Gal Irpinia Consorzio, Giovanni Maria Chieffo.

La presentazione si svolgerà in modalità blended. Le richieste di partecipazione sono inoltrabili alle seguenti e-mail: info@zirmacoop.com – oltrelemura2007@libero.it.
Ente promotore del progetto è il Gal Irpinia Consorzio, a valere sul Psr Campania 2014-2020, in riferimento alla misura 16 “Cooperazione”, tipologia di intervento 16.1.1 per il “Sostegno per la costituzione e il funzionamento dei Go del Pei in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura”.

Obiettivi generali sono lo sviluppo, l’introduzione e l’implementazione di modelli innovativi di processo produttivo, finalizzati alla riduzione dell’impatto ambientale e alla produzione di uve di alta qualità e di vini salubri, con basso contenuto di solfiti. Contestualmente, si intende perseguire il miglioramento delle prestazioni di sostenibilità della filiera vitivinicola. Lo scopo di queste applicazioni è di rendere massimamente favorevoli le condizioni pedo-micro-climatiche degli areali produttivi della viticoltura, in ragione delle esigenze fisiologiche della vite. Si tratta di un’attività complessa e di fondamentale importanza, per i vantaggi ambientali e gli aspetti sociali, economici e di salvaguardia della salute umana.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here