3 settimane di networking ed eventi live, 35 webinar dedicati a food, attrezzature e formazione, 64 aziende e brand coinvolti, 1545 registrazioni sul sito www.horecoast.it, 6426 accessi alla piattaforma, 3409 visualizzazioni con una media di 803 utenti per singolo giorno: sono i numeri dell’edizione 2021 di HoReCoast, la prima fiera evento nel sud Italia dedicata ad operatori e professionisti del mondo Ho.Re.Ca. che quest’anno si è tenuta in versione completamente digitale nei giorni 9 e 11 marzo, 16, 17 e 18 marzo, 23, 24 e 25 marzo 2021.

«Le tre società che compongono il Consorzio HoReCoast, ossia Lamberti Food, De Luca Attrezzature per la Ristorazione e MTN Company, ognuna con le proprie esperienze, conoscenze e capacità di coinvolgere aziende, fornitori, clienti, chef, esperti di cucina e dell’accoglienza, e soprattutto con la preziosa collaborazione delle associazioni di categoria, come l’Unione Regionale Cuochi della Campania e l’A.I.B.E.S. Campania, anche quest’anno tramite la versione digital hanno dimostrato di essere un riferimento per la ristorazione professionale, offrendo agli operatori del settore una grande opportunità di arricchimento e formazione professionale», afferma Carlo De Luca, Presidente del Consorzio HoReCoast.

Professionisti dei mondi food, ricettività, marketing, ristorazione e turismo hanno impreziosito la kermesse con show cooking, testimonianze e seminari on line. I cuochi delle Associazioni di Salerno, Caserta, Napoli, Torre del Greco – Area Vesuviana Nolana Strianese e di Sorrento (afferenti all’Unione Regionale Cuochi della Campania), maestri pizzaioli (tra cui Graziano Bertuzzo e Michele Croccia della Scuola Italiana Pizzaioli), chef delle aziende aderenti all’iniziativa ed i barmen dell’A.I.B.E.S. Campania si sono cimentati in show cooking culinari e cocktail show. Esperti del settore, come Marco Contursi (Fiduciario della Condotta Slow Food dell’’Agro Nocerino Sarnese), Giorgio Gandellini, Virgilio Gay ed Alfonso Pace del progetto FacileRistorazione.it, Davide Pini di Gastromarketing e Michelangelo Lurgi della Rete Destinazione Sud (che ha anticipato la prossima sottoscrizione di un accordo di partenariato tra la Rete ed il Consorzio HoReCoast) hanno proposto tecniche, modelli e metodologie con cui affrontare il futuro della ristorazione e dell’incoming.

«HoReCoast ha dimostrato di non avere confini, anzi ha dato prova che anche in tempo di crisi lo spirito di community, con cui è nata nel 2014, cresce sempre di più – spiega Vincenzo Lamberti, Amministratore della Lamberti Food – Il nostro prossimo obiettivo è quello di rafforzare questa community, che mette al centro i professionisti, quindi le persone, perché oggi HoReCoast rappresenta lo stare insieme, il sano confronto e la proposizione di soluzioni».

«Oggi viviamo in un mondo radicalmente cambiato rispetto a qualche tempo fa – aggiunge Pietro De Luca, Responsabile Divisione Attrezzature della De Luca Attrezzature per la Ristorazione – Sono cambiate le persone e le modalità di acquisto e consumo delle persone stesse. Per questo il passaggio al digitale si è reso necessario. Uno dei motivi principali che ci ha spinti ad organizzare questa digital edition di HoReCoast è stato il desiderio di offrire ad operatori e professionisti Ho.Re.Ca. l’opportunità di conoscere e formarsi su tecnologie, prodotti e soluzioni che rispecchiano le esigenze del nuovo mercato».

Più che positivo anche il riscontro social di questa digital edition di HoReCoast, con una copertura della pagina Facebook HoReCoast di 110.093 persone raggiunte e 25.363,831 interazioni con i post ed una copertura della pagina Instagram @horecoast di 2.598 persone raggiunte e oltre 150 tag nelle stories di Instagram.

«La digital revolution è un “fenomeno” sicuramente non contemporaneo – dichiara Carmine D’Alessio, Ceo dell’agenzia di comunicazione integrata MTN Company – La pandemia ha sicuramente accelerato questo processo di trasformazione, ma non sempre le realtà aziendali hanno dato prova di governabilità della digitalizzazione. Questo perché non si è ben inteso che il passaggio al digitale presuppone anche un’attività di riposizionamento del brand. Altro problema messo in evidenza dalla pandemia è l’arretratezza delle infrastrutture territoriali: possiamo impegnarci quanto vogliamo per la promozione di territori e destinazioni, ma se ci limiteremo solo ad esaltarne le tipicità e le ricercatezze sprecheremo tempo e risorse. Dobbiamo, invece, tendere al perseguimento degli obiettivi dell’agenda 2030, tra cui la sostenibilità ambientale, la garanzia di strutture igienico sanitarie e di città ed insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili. Solo così potremmo parlare di sviluppo e promozione territoriale».

Promosso dal Consorzio HoReCoast (formato dalle aziende Lamberti Food, De Luca Attrezzature per la ristorazione e MTN Company), l’edizione 2021 di HoReCoast è stata patrocinata da: Confindustria Salerno, Camera di Commercio di Salerno, Confartigianato Salerno, Federazione Italiana Cuochi, Unione Regionale Cuochi della Campania, Associazione Cuochi Salernitani, Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno, Scuola Italiana Pizzaioli, A.I.B.E.S. Campania, A.M.I.R.A. e A.D.A. Campania. Media partner dell’iniziativa sono stati: La Gazzetta del Gusto, Sala&Cucina, Food Service, Pizza e Pasta Italiana, Cucina a Sud, CiBi, Horecanews.it, Horeca TV, Il Fuoricasa, La Buona Tavola e Rosmarinonews.it.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here