Una ricetta per salvare il mare, a Salerno il finale della prima tappa

0
15

Si chiude a Salerno la prima tappa della 15° edizione della campagna “Una ricetta per salvare il mare” di Oceanus, il gruppo di ricerca internazionale composto da biologi, skipper, chef e fotografi.

Salerno non è stata scelta a caso come prima tappa della campagna “Una ricetta per salvare il mare” di Oceanus. La provincia di Salerno, in particolare Pollica, è infatti considerata la culla della Dieta Mediterranea, patrimonio immateriale dell’UNESCO.

L’obiettivo della campagna è quello di sensibilizzare i consumatori sull’importanza di fare scelte consapevoli quando si acquista pesce. Un mercato globale senza freni rischia di desertificare il mare e rompere l’antico equilibrio tra pescatori e risorse ittiche, con gravi conseguenze per le comunità che vivono di pesca in tutto il mondo.


In navigazione verso il gusto, Il team di Oceanus alla scoperta della colatura di alici a Cetara
Un connubio perfetto tra vela, scoperta e tradizione enogastronomica ha caratterizzato la recente tappa di Oceanus a Cetara, pittoresco borgo della costiera amalfitana. A bordo del catamarano a vela, il team di Oceanus ha solcato le acque cristalline del mare Tirreno, ammirando i panorami mozzafiato della costa e raggiungendo Cetara dove è nata la colatura di alici.

Sbarcati a Cetara, i velisti sono stati accolti con calore dagli abitanti del luogo, custodi di un sapere antico tramandato di generazione in generazione: la lavorazione delle alici per ottenere la preziosa colatura. Con grande entusiasmo, i pescatori locali hanno condiviso i segreti di questa produzione artigianale, illustrando ogni fase del processo, dalla selezione delle alici freschissime all’insalatura, dalla maturazione in botti di legno fino all’imbottigliamento. Una volta a bordo lo chef Stefano Barbato, membro dell’equipaggio di Oceanus, ha replicato magistralmente la ricetta, un vero e proprio elisir di sapore che racchiude l’essenza del mare. Un ingrediente unico che impreziosisce i piatti della tradizione campana, donando loro un gusto intenso e raffinato.


Dopo l’affascinante tappa a Cetara, l’avventura è proseguita verso altre gemme della costiera amalfitana e campana.
Amalfi, a pochissime miglia da Cetara, una cittadina ricca di storia e patrimonio artistico, una sosta dovuta prima di proseguire, veleggiando lungo la costa fino a doppiare Punta Campanella e dare fonda ai Faraglioni dell’isola di Capri, perla del Mediterraneo conosciuta per la sua bellezza e mondanità. Tra calette incantevoli e grotte suggestive su quest’isola così popolare si propone un menù in sintonia con la campagna di Oceanus a base di pesce fresco, rigorosamente locale e di stagione, insieme a tanti prodotti di eccellenza.

Dopo aver circumnavigato Capri, il catamarano è approdato a Napoli. Qui, in rada a Posillipo, il team ha avuto modo di immergersi nell’atmosfera vivace e accogliente del capoluogo campano.

Il viaggio è poi proseguito verso Massa Lubrense, un tesoro nascosto della costiera sorrentina. Un borgo pittoresco, Il team di Oceanus ha scoperto i sapori intensi dei limoni Sfusato Amalfitano, utilizzati per la produzione di liquori, dolci e piatti tipici come il risotto al limone, che presto lo chef Barbato riproporrà a bordo.

Un mare impoverito: pesca ed emigrazione
Il Mediterraneo è il mare più sfruttato al mondo. Solo 5 specie di pesci coprono il 50% della richiesta di mercato: tonno, merluzzo nordico, pollack d’Alaska, salmone e gamberi. Per inseguire il mercato, la metà del pescato viene spesso rigettato in mare perché invendibile. Per ogni kg di gamberetti si stimano 5 kg di “catture accidentali” e per ogni kg di cannolicchi 4 kg di “catture accidentali”.

Una campagna per cambiare le cose

Oceanus, con questa campagna, vuole raccontare cosa si nasconde dietro il pesce che arriva sulle nostre tavole e suggerire attraverso video-ricette, spesso cadute nell’anonimato, quale pesce utilizzare e quando acquistarlo. Una campagna a bordo di catamarano a vela che raggiunge e omaggia città e piccoli borghi protagonisti della dieta mediterranea, ricchi di amore e saggezza capaci di custodire sapori e tradizione.

Cosa possiamo fare?
Possiamo 
ridurre il consumo di pesce e carne: non è più solo una scelta etica, ma una necessità.

Possiamo acquistare pesce locale, italiano e di stagione consultando il calendario di Oceanus per scoprire cosa e quando comprare mese per mese: https://oceanus.it/una-ricetta-per-salvare-il-mare/

Stefano Barbato a Salerno

A bordo a Salerno, lo chef Stefano Barbato, con quasi un milione di iscritti sul suo canale YouTube, realizzerà “ricette per salvare il mare” a base di pesce azzurro, povero e gustoso, protagonista di molti piatti della tradizione mediterranea. Lo chef esalterà anche le grandi eccellenze dei prodotti campani, tra cui la colatura di alici di Cetara.

Oceanus: un impegno per il futuro

Oceanus è un’organizzazione internazionale e un Ente di ricerca che si batte per la tutela del mare e la valorizzazione delle risorse ittiche. Con le sue campagne di sensibilizzazione e i suoi progetti concreti, Oceanus lavora per un futuro in cui il mare sia sano e ricco di vita per le generazioni future.