A volte rimangono, Il Piccolo Principe Chef Mancino (due Stelle) festeggia i suoi primi 15 anni di resident con un menu speciale.

0
350

Tutto iniziò da un mezzo disastro. Nel suo primo lavoro, in pizzeria, rompe due pale e viene spedito in cucina. Da lì Giuseppe Mancino non è mai uscito, tra i fornelli è cresciuto come uomo e come professionista, raggiungendo prima e una (2005) e poi due stelle Michelin (2015), è diventato marito e padre, sempre seguendo una precisa idea di vita e di cucina. Un percorso sviluppato attraverso i viaggi, la ricerca, quella curiosità verso il mondo capace di arricchire ma non stravolgere il proprio credo, ma consumato in un luogo unico, il Grand Hotel Principe di Piemonte*****, uno tra i primi hotel che ha creduto nell’eccellenza dell’offerta gastronomica affidandola a un giovane ragazzo campano che non ha tradito la fiducia riposta in lui.

Oggi Giuseppe Mancino e il “Piccolo Principe”- ristorante del Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio (Lu) – festeggiano i loro primi 15 anni insieme.

In un mondo come quello dell’alta ristorazione, dove i grandi chef passano per poche stagioni, i 15 anni di Mancino al Piccolo Principe rappresentano non solo un caso statistico che lo elegge a chef più giovane d’Italia nella stessa cucina. Questo traguardo sembra piuttosto rendere omaggio a un approccio verso il lavoro fatto di rapporti umani autentici, fiducia, investimento reciproco tra chef e patron, in nome di un Progetto che per essere tale ha bisogno di tempo e solidità. Un investimento che nel 2015 è stato coronato dalla seconda stella e che, al di là dei riconoscimenti ufficiali si ritrova nei piatti di Mancino: mai banali pur rifuggendo dalle mode passeggere, grazie anche a un incondizionato credo nella materia prima.

In omaggio a questo importante anniversario Giuseppe Mancino presenta “GM15”, un menù dove ogni piatto rappresenta un anno della sua carriera

 

Ecco alcuni fra i piatti del menù GM15 – 15 piatti per 15 anni – dove ogni anno è rappresentato da una creazione dello chef. Tra gli antipasti il 2017: Ostrica, Yogurt Greco, Rapa Rossa e Lime e poi il 2012 con il Sushi Toscano affumicato: Battuta del Masoni, Pane Fritto, Tartufo di Stagione Selezione Savini, Pecorino ed Erbe Amare; poi arrivano i primi : il 2004/5 ovvero la “miticaCalamarata di Gragnano- Frutti di Mare, Calamari, Crostacei E Punte D’Asparagi; vediamo comparire tra i secondi il 2006: Manzo in Crosta di Pane nella personale interpretazione dello Chef Giuseppe Mancino. I dolci: 2018 – Cremoso di robiola con fichi, mandorle, e menta piperita, 2011 Cioccolatino al Fegato Grasso, Sale Maldon e Miele al Tartufo Savini, Pecorino ed Erbe Amare.

 

“La vita di ogni giorno, in particolare quella di uno chef, è troppo frenetica per darti il tempo di fare bilanci” afferma Giuseppe Mancino. “Gli anniversari servono proprio a questo, a fermarsi un attimo e ripercorre la strada che hai fatto. Non avrei potuto fare scelta migliore, al Piccolo Principe sono cresciuto ogni giorno portando dentro questa cucina i miei viaggi, le mie esperienze di vita, lo scambio con le tante persone che sono venute a trovarmi, non perdendo mai l’obiettivo principale del mio lavoro, far venire un’immediata voglia di mangiare il secondo boccone subito dopo aver assaggiato il primo”.

 

“E’ una grande emozione festeggiare con Giuseppe questo traguardo” dichiara  il Dott. Cesare Lazzarini Presidente della società cui fa capo il Grand Hotel Principe di Piemonte. “Da sempre crediamo che il comfort e il piacere di un soggiorno non possa prescindere dalla massima eccellenza in cucina, per questo ormai quindici anni fa abbiamo puntato su una stella nascente della cucina italiana, ma anche e soprattutto sulla serietà e passione di un ragazzo diventato uomo e di un cuoco diventato chef e manager insieme a noi”.

menu GM15

 Il Piccolo Principe apre a pranzo con due menù degustazione creati in esclusiva: il menù Carte Blanche il menù Tradizione.

 

  • il menù Tradizione da 4 portate a Euro 99,00 a persona, bevande escluse, con piatti gourmet classici rivisitati in chiave moderna;
  • il menù Carte Blanche da 3 portate a Euro 79,00 a persona, bevande escluse, con piatti selezionati dallo Chef Giuseppe Mancino.

 

I menù degustazione presenti nel menù della sera sono 5: quello di mare, quello di terra, il vegetariano  o da 4 portate a cura dello chef, e quello dedicato ai suoi 15 anni al Piccolo Principe come chef.

 

Il Menù degustazione “Il Mare” include: la Triglia, le Cappesante, la Calamarata, i Ravioli, il Dentice, e la Pera.

Il Menù degustazione “La Terra” comprende: l’Uovo croccante, il Sushi toscano affumicato, il Riso Carnaroli, gli Agnolotti ripieni, il Piccione, i Formaggi e Arachidi e Mango.

Nel Menù degustazione “Vegetariano”: la Terrina di gazpacho, l’Uovo croccante, i Tortelli di cime di rapa, gli Spaghetti di grano duro, il Carciofo, i Formaggi e come dolce Vaniglia, ganache montata, sablè bretone, salsa zafferano e gel di limone.

Anche il Menù degustazione “L’essenziale” è liberamente interpretato dallo Chef scegliendo fra i suoi piatti, e comprende 4 portate.

 

Il Piccolo Principe è aperto  fino al 3 Novembre 2019.

Aperto sia a pranzo che a cena dal 18 settembre al 3 Novembre, con orari 12.30/14.30 e 20.00/22.00. Giorni di chiusura lunedì e martedì.

 

Chi è Giuseppe Mancino 

 

Lo chef Mancino, oggi due stelle Michelin, esordisce nel mondo della cucina in maniera del tutto particolare. Salernitano di origine, come molti giovani ragazzi, inizia a lavorare  in pizzeria come aiuto ma si capisce subito che quello non è il suo mondo, infatti rompe ben due pale! Viene dunque mandato in cucina e da qui parte la sua ascesa in questo mondo. Autodidatta, la passione e la ambizione lo hanno portato fin da subito lontano da casa arrivando  nel 2004 a Viareggio al “Piccolo Principe” e distinguendosi in breve tempo. Classe 1980, a soli 29 anni, ovvero nel 2005, viene insignito della prima stella dalla guida Michelin.

La critica italiana e il pubblico lo apprezzano sin dall’inizio della carriera, inserendolo subito nelle più importanti guide del settore nazionali.

Chef Mancino non si accontenta, non smette di studiare, di cercare e di  viaggiare e continua nella sua ricerca per superarsi ancora. Il suo menù varia, cresce, si modifica, raggiungendo quello che oggi possiamo definire uno stile da “avanguardia classica” dando grande importanza all’armonia del piatto, alla sua presentazione e al gusto.

 

Ogni suo piatto nasce da un singolo ingrediente che Mancino quasi aggredisce con tutti i sensi nel percepire ogni potenzialità fino a costruirgli intorno gli ingredienti “secondari” più incisivi”: cucendo intorno al prodotto principale ( corpo)  il vestito migliore  ecco perché in molti amano definirlo “ Il sarto della cucina italiana”.

 

Ogni piatto è anche condivisione e confronto con la sua squadra, con  Alessio Bachini, il suo Sous Chef che lo affianca dal 2004 anni al Piccolo Principe.

 

Uno spettacolo osservarli progettare piatti a fianco uno dell’altro con un casseruola fra di loro a far quasi da paciere a pensieri che corrono veloci intorno ad una triglia o ad un piccione. Mancino è uno chef unico, fedele al Piccolo Principe da 15 anni dove lavora con serietà e determinazione rinnovate ogni anno come se fosse il proprietario, Questa virtù, insieme alla  passione, bravura e  grande tecnica gli vengono riconosciute con la seconda stella Michelin nel 2015.