Food & The City 2023, lo speciale di Engel & Völkers,

0
36

Engel & Völkers Commercial Milano, società di advisory immobiliare operante nel settore del Commercial Real Estate, presenta la terza edizione del Food & Beverage Retail Market Report.

Lo studio è interamente dedicato alla Città di Milano, quale piazza strategica per lo sviluppo del mercato Food & Beverage e anticipatrice di tendenze e concept su scala nazionale.

Il Report si sviluppa in un’analisi lenticolare del mercato milanese confermando i 25 distretti Food & Beverage individuati nell’edizione precedente, testimonianza che il Food & Beverage sta assumendo sempre più rilevanza e rappresenta un’ottima opportunità di investimento.

In questa terza edizione, accanto ad un’approfondita analisi dei valori economici, dell’offerta merceologica, della tipologia di servizio e dei brand presenti sono stati rilevati i negozi sfitti e i dehor esterni sull’affaccio stradale.

Si contano 5.533 esercizi, la cui incidenza delle attività F&B è pari al 34%, valore che conferma una buona tenuta del settore se rapportato ai dati raccolti nel 2022.

Tra i distretti in cui si registra una maggiore incidenza del numero di esercizi F&B rispetto al totale dei negozi, spiccano ancora una volta Arco Sempione, che conferma la sua fortissima attrattività soprattutto serale, con il 57% di esercizi F&B sul totale dei negozi e la zona dei Navigli con un 51%. Nolo, invece, si mostra ad oggi come un distretto ancora “acerbo”, presidiato per il 92% da attività a marchio indipendente ma che sta entrando nel mirino delle principali catene del food, date le sue grandi potenzialità.

Prosegue il trend positivo dei dehor che, seppur di solo il +2%, è aumentato rispetto al 2022, a testimonianza che lo spazio esterno è sempre più apprezzato e desiderato dal cliente e ritenuto un fattore importante anche per gli utilizzatori. Nei venticinque distretti considerati, difatti, il 59% delle attività F&B si è dotata di dehor, con un numero di posti a sedere esterni stimato in circa 25mila. Tra i distretti analizzati La Foppa XXV Aprile, Statale e Duomo sono le zone in cui si rileva la più alta concentrazione di dehors.

Per quanto riguarda i canoni di locazione per le attività F&B sono in crescita in quattordici distretti su venticinque della città, mentre per i restanti si osservano valori stabili rispetto alla rilevazione effettuata nel 2022. In distretti come Duomo o Porta Nuova i canoni di locazione arrivano a toccare anche punte di 2.500 €/mq/a e salgono a 3.500 nel distretto di Liberty San Babila. L’indice di vacancy complessivo nei venticinque distretti analizzati sfiora appena il 9%.

“Nonostante la fase delicata che il nostro Paese sta attraversando tra Pandemia da Covid19, crisi geopolitica e inflazione, Milano continua a confermarsi come punto di riferimento, in particolare per il Food & Beverage.” – spiega Gianluca Sinisi, Licence partner Engel & Völkers Commercial Milano & Lombardia, che prosegue – “La crescita di questo settore e la costante apertura di attività ha e sta contribuendo a ridefinire la geografia della nostra città. Una ulteriore spinta arriverà dalle Olimpiadi Milano Cortina 2026, il cui effetto ha già iniziato a portare ricadute positive visibili in termini economici e territoriali, offrendo – non senza fatica – nuovi posti di lavoro, attraendo nuovi clienti, grazie a trasformazioni e rigenerazioni urbane, che costituiscono nuove opportunità per il settore.”