La Scuola Enologica De Sanctis premiata a Vinitaly

0
3

A Vinitaly, i vini della Scuola Enologica di Avellino pluripremiati nell’ottava edizione del Concorso Enologico “Istituti Agrari d’Italia”. Emozione e soddisfazione nell’Auditorium Verdi del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste (MASAF) e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM), per lo storico istituto agrario ‘Francesco De Sanctis’ di Avellino che, anche quest’anno porta a casa importanti riconoscimenti. Una competizione prestigiosa che ha visto indiscutibilmente protagonista la scuola agraria di Avellino tra le ventiquattro scuole partecipanti, provenienti da quattordici diverse regioni d’Italia. E sono sessantotto i vini presentati nella gara indetta dal MASAF, in collaborazione del Ministero dell’Istruzione e del Merito, con il contributo tecnico-scientifico del CREA Viticoltura ed Enologia e il supporto di RENISA (la Rete Nazionale degli Istituti Agrari), competizione importante promossa nella più grande fiera del vino e dei distillati rivolta agli operatori del business sui mercati internazionali con l’intento di valorizzare le migliori produzioni vitivinicole Dop e Igp realizzate dalle scuole partecipanti per promuovere concretamente il futuro del settore e migliorare gli standard qualitativi di produzione.

Alla Scuola Enologica ‘F.De Sanctis’ di Avellino sono stati conferiti il Premio Categoria Vini Tranquilli-  a Campania Aglianico 2021 Igp, Campania Greco 2021 Igp, Campania Fiano 2021 Igp, Premio Categoria Vini Spumanti con primo posto assoluto Vino Spumante di Qualità Brut Fiano e al Vino Spumante di Qualità Rosato Aglianico Metodo Martinotti, Premio Categoria Vini Liquorosi primo posto assoluto per Campania Fiano Passito Igp.

 

L’Italia del vino continua a crescere a partire dai banchi di scuola, per avanzare la sua cavalcata di sviluppo e promozione del made in Italy e dei valori identitari, evidenziati a gran voce da Giorgia Meloni, Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana, sostenuta dagli interventi di Francesco Lollobrigida, Ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste e a Giuseppe Valditara, Ministro dell’Istruzione ai quali sono stati consegnati lo speciale formato magnum di Brandy Avellino, invito del dirigente Pietro Caterini a conoscere lo storico istituto agrario di via Tuoro Cappuccini e le denominazioni irpine.

 

Soddisfatto, Caterini ha dichiarato:” ‘Siamo molto contenti di aver partecipare al concorso indetto dal Masaf e dal Mim ma siamo anche molto orgogliosi di aver ricevuto attestati di merito che gratificano il lavoro che continuiamo a svolgere con costanza e dedizione con i nostri allievi e con il nostro prezioso staff docente. L’obiettivo che ci siamo posti è certamente quello di rafforzare il legame all’interno della regione Campania con la scuola, partendo però dalla scuola e dal territorio, da tempo impegnato alla valorizzazione della storia e della viticoltura e l’enologia italiana. Con la nostra presenza in un contesto così importante, non facciamo altro che portare avanti le eccellenze dell’Irpinia attraverso la scuola. Viva l’Irpinia, viva l’Italia del vino

 

Ma l’Istituto Tecnico Agrario  di Avellino è stato protagonista assoluto nella giornata seconda giornata di Vinitaly.  Presso lo stand del Consorzio Tutela Vini Irpinia Padiglione Irpinia-Sannio  è stato presentato da Fabrizio Scotto di Vetta, direttore responsabile dell’Azienda Agraria ‘F. De Sanctis’ di Avellino, l’impianto sperimentale dei vitigni resistenti e il progetto materiale ed immateriale di ricerca Digital Innovation Hub, già promosso dall’Amministrazione Provinciale di Avellino, piano di ricerca e innovazione finalizzato all’avviamento dei processi di ottimizzazione dei processi aziendali per le imprese agroalimentari meridionali, per l’innovazione e la sostenibilità.