Prosum, l’amaro di Pompei conquista il doppio premio ai World Liqueur Awards.

0
4

Il colore caldo ed ambrato, l’esclusiva ricetta, utilizzando con sapienza una miscela di erbe, rendono Prosum, l’amaro di Pompei, unico nel suo percorso di gusto sensoriale.

Dopo il favorevole riscontro, e successo di pubblico ottenuto a Bologna pochi giorni fa, durante la fiera nazionale “Amaroteca”, che ha visto la partecipazione di 60 espositori, ecco che si aggiunge un prezioso tassello; Prosum si è aggiudicato due prestigiosi riconoscimenti: la conquista del 2° posto ai  World Liqueur Awards Silver 2022, per l’apprezzamento del gusto e per il design dell’etichetta.

Prosum, prende vita nella storica città di Pompei, nel laboratorio dell’azienda Antichi & Nuovi Sapori, una realtà produttiva, che ha lanciato sul mercato un amaro artigianale.

Grande la soddisfazione dell’avv. Lorenzo Dimartino, titolare dell’azienda, che con profonda commozione commenta:” È un riconoscimento che ci lusinga e stimola a proseguire con entusiasmo la nostra strada. Puntare sulla qualità e l’eccellenza, queste sono le nostre prerogative. Ricevere due premi- continua Dimartino – ci ha riempito di gioia, e soprattutto sapere che Prosum, sia stato scelto tra tanti colossi mondiali è un primo grande traguardo raggiunto, una vittoria inaspettata”.

È il primo amaro in assoluto che viene realizzato con il metodo di estrazione a freddo, frutto di uno studio di ricerca dell’Università Federico II di Napoli, facoltà di Chimica, brevettato dal Prof. Naviglio, grazie al quale si è riusciti a mantenere inalterate le proprietà organolettiche delle piante, evitando i processi ossidativi, fino a rendere un prodotto bilanciato, intenso e gradevole al palato.

L’orgoglio e la selezione delle erbe officinali e aromatiche, tra cui spicca il tarassaco, l’aggiunta di oli essenziali naturali, la moderata quantità di zucchero per favorire gli effetti digestivi, e la sua gradazione di 30 gradi, sono un tratto distintivo.

Un impatto avvolgente, il gusto persistente, deciso e profondo, grazie alla complessa varietà dei suoi ingredienti, l’etichetta ricercata e stilizzata realizzata dall’art director e graphic designer Diego Ornato del Dod Studio, che campeggia sulla bottiglia, caratterizzano Prosum, e lo rendono subito riconoscibile.

Ogni cena che si rispetti o dopo un pranzo abbondante, nell’immaginario collettivo italiano, l’amaro è il ‘piacere’ alcolico che molti di noi si concedono, e già al primo sorso di Prosum, si comincia sì un viaggio nel tempo che richiama la tradizione, ma con l’inconfondibile identità moderna e innovativa. Un’equazione perfetta, dove sapore e territorio si fondono armoniosamente, un’immersione tra aromi e ricordi da poter gustare ogni giorno, specie in compagnia e, come il brand Pompei Antichi & Nuovi Sapori suggerisce: “Taste the history”, cioè, Assapora la storia!

Sabrina Ciani