Trattoria contemporanea, il ristorante stellato in un campus di innovazione.

0
90

Nel nome Trattoria contemporanea è insita la visione dicotomica del progetto ideato in un
ex cotonificio dell’Ottocento a Lomazzo (CO).

Il passato e il futuro trovano voce in Fabbrica campus, un terzo luogo realizzato dall’idea di quattro imprenditori dal carattere visionario e una considerazione intuitiva del presente.

Fabbrica è un campus tecnologico dove lavoro e leisure trovano perfetta collocazione per
diventare luoghi di incontro, opportunità e contaminazione. Nell’ampio edificio in mattoni
e grandi vetrate sorgono spazi pensati per co-working, sale meeting, aree eventi, corsi di
formazione, di teatro e sport, uniti dal filo rosso della bellezza.

È in questo contesto che si innesta Trattoria contemporanea, il ristorante di cucina fine
dining che a solo un anno dall’apertura ha ricevuto il riconoscimento della prima stella
MICHELIN.

In Trattoria vive una brigata di talenti che rappresenta la generazione di domani creativa
e dirompente; sono giovanissimi e formati in Italia e all’estero, guidati da un’instancabile
voglia e il coraggio di fare la differenza. Trattoria contemporanea è un omaggio alla
cucina del passato, letta e riscritta nelle preparazioni in maniera giocosa, un po’
irriverente ma pur sempre cosciente e rispettosa della materia prima e del territorio.

La cucina di Trattoria contemporanea si basa su materie prime povere; ingredienti
semplici vengono valorizzati ed elevati. “Una cucina difficile da realizzare, risultato di
ricerca e pensiero ma immensamente appagante” dice Davide Marzullo, Chef a capo
della brigata.

Istinto, passione e coraggio sono i tre menù degustazione che la giovane brigata
guidata da Davide Marzullo propone. Sono rappresentati dalle parole che al meglio
racchiudono l’esperienza che si prova in Trattoria contemporanea. Una cucina immersiva,
unica nel suo genere, pregna di tecnica e forte di materie prime di alta qualità.
Istinto, 4 portate vegetariane, 3 salate e una dolce. I vegetali, rigorosamente di stagione,
vengono lavorati con ingredienti da tutto il mondo con una ricerca costante e la voglia di
sperimentare.

Passione, le 5 portate del cuore. 5 piatti che dall’apertura di Trattoria hanno saputo
catturare, estasiare, meravigliare gli ospiti. Preparazioni che sanno far uscire il carattere
della cucina.

Coraggio è l’estro creativo, 7 portate fuori menù, che rimangono segrete fino
all’assaggio. Le persone che scelgono il Coraggio si abbandonano, coraggiosamente,
fidandosi del gusto o meglio, della creatività sperimentale che esplode nelle preparazioni
di Trattoria contemporanea.

Il tutto viene accompagnato da una carta di vini speciale, che viaggia di pari passo con
l’idea di cucina. Non vengono proposti vini blasonati ma una selezione ricercata di piccoli
produttori, anche biodinamici, che producono poche etichette l’anno.

Le preparazioni vengono abbinate anche a sakè, infusi, kombucha, cocktail, tè e tisane; e
per concludere il servizio di caffè con chemex coffee, caffè francese. Non solo un wine
tasting ma un drink pairing ricercato.

Un viaggio di sapori che viene raccontato con diversi intervalli, sorprendenti e gustosi,
con l’intento di spezzare l’abitudine della consueta cena, a favore di un’esperienza più
informale e divertente.

Il concetto di contemporaneità si incarna negli spazi, aperti, accoglienti e dal design
sostenibile. Ogni luogo può raccontare una storia. I muri che separano gli ambienti sono
pochi, e quando ci sono, sono per lo più grandi vetrate, proprio come quelle del piano
terra di Trattoria che si affaccia sul parco del campus, dove d’estate è possibile pranzare
e cenare davanti al braciere. La vetrata è un taglio di luce frontale che dall’esterno offre
un’ampiezza totale in cui brigata e cucina, sala e ospiti sono i protagonisti di un
suggestivo racconto.

“Trattoria contemporanea nasce in uno spazio di rivoluzione culturale. Un ristorante
stellato decontestualizzato perché convive con realtà di business in un campus di startup
e opportunità. Fabbrica è un mondo aperto, è bellezza nelle sue espressioni più sincere:
nel cibo, nel lavoro, nelle relazioni” dice Luca Di Pierro, co-founder e responsabile
comunicazione di Fabbrica campus e Trattoria contemporanea.

La scelta di portare il passato nel presente è una dicotomia costante, anche gli arredi
sono stati pensati in virtù dell’idea di riciclo e riutilizzo. I design di Fabbrica campus e
Trattoria contemporanea sono una interpretazione minimal di arredamenti industriali
riletta in chiave moderna. In Trattoria gli arredi sono tailor-made. Piastrelle diamantine
bianche, neutre ma di carattere. Divani a righe per un ambiente rilassato, informale e
intimo. La tavola è minimal per rispondere all’idea di un servizio pulito; un canva che
viene completato durante il viaggio di sapori.

Founder di Fabbrica campus e Trattoria contemporanea
Luca Di Pierro, co-founder di Fabbrica campus e Trattoria contemporanea
Luca Bernasconi, co-founder di Fabbrica campus e Trattoria contemporanea
Milva Bernasconi, co-founder di Fabbrica campus e Trattoria contemporanea
Stefano Giusto, co-founder di Fabbrica campus e Trattoria contemporanea

Brigata di Trattoria contemporanea

Brigata di sala
Sommelier: Mattia Piotto, 25 anni
Responsabile di Sala: Laura Scandiuzzi, 25 anni
Demi Chef de Rang: Swamy Scaglione, 19 anni
Commis di Sala: Noemi Cerrato, 17 anni

Brigata di cucina
Chef: Davide Marzullo, 26 anni
Sous Chef: Andrea Noto, 26 anni
Sous Chef: Christian Malatacca, 28 anni
Pastry Chef: Elena Orizio, 26 anni
Commis pasticceria: Miguel Taka, 18 anni
Commis: Federico Fabiano, 19 anni

Trattoria contemporanea
c/o Fabbrica campus
Via del Ronco 10,
22074 – Lomazzo (CO)
+39 02 80896040
info@trattoriacontemporanea.it
@trattoriacontemporanea

Fabbrica campus
T. +39 02 87177352
info@fabbrica.srl
fabbrica.srl
@fabbrica_campus