Roma, festività pasquali in salsa francese con le proposte de Le Carré Français

0
17

Galline” di cioccolato farcite e Uova artistiche che ricordano un Dodecaedro, tutte artigianali, per una Caccia al tesoro con i bambini nei parchi della Capitale. Ma anche alcuni piatti della tradizione, come le Uova in follia e l’Agnello con i fagioli bianchi, e il dolce Fraisier per salutare l’arrivo della primavera. Infine, un inedito cestino di delizie da ordinare con il delivery o take away, per un allegro picnic “en plein air”. Ecco cosa non perdere, tra leccornie golose dolci e salate, dell’offerta enogastronomica nel cuore di Prati per un assaggio autentico della Pasqua francese

Roma, 22 marzo 2023 – Delizie da gustare e da ammirare. Come le immancabili “Galline” e la proposta più contemporanea di un Uovo con la forma di un Dodecaedro allungato, tutti artigianali, ai tre colori e gusti, al cioccolato bianco, al latte e al cioccolato puro (80% Valrhona), e farciti con degli ovetti fatti in casa al cioccolato pralinato (prezzo al pezzo per ogni tipologia pari a 32 euro). Sono le creazioni del Capo pasticcere Robin Sabassier de Le Carré Français per le festività pasquali, Robin Sabassier de Le Carré Français per le festività pasquali, che si troveranno nell’ambasciata enogastronomica delle eccellenze d’oltralpe a Roma da sabato 25 marzo fino al 10 aprile, Lunedì di Pasquetta, per riscoprire le tradizioni francesi attraverso una divertente “Chasse aux oeufs”, una Caccia al tesoro con i bambini nei parchi della Capitale, con le Uova di cioccolato che, in Francia, sono protagoniste del gioco tra indizi, enigmi e indovinelli, che allieta la Domenica di Pasqua sia in famiglia che in diversi comuni del Paese, usanza legata a un’antica leggenda. Ma non solo: Le Carré Français pensa anche alla tavola, con dei piatti tipici pasquali come le Uova in follia e l’Agnello con i fagioli bianchi, creati ad hoc e proposti per le festività, insieme a dei romantici cestini da ritirare al locale o da ricevere direttamente a casa per un picnic – come in Francia – “en plein air”, firmato dall’insegna di via Vittoria Colonna. Un inedito di specialità dolci e salate per la scampagnata di Pasquetta e non solo, proposto per due persone, con sandwich, formaggio, cetriolini, salame, vino, biscotti e l’immancabile pane fatto in casa de Le Carré Français.

Le uova simboleggiano da sempre la vita, la rinascita, la creazione e la fecondità. Per questo, vengono offerte proprio durante questo periodo dell’anno, quando ricorre il Giorno della Resurrezione, con la Luce che prende il sopravvento sull’Ombra, ma anche l’arrivo della Primavera e delle sue bellissime fioriture”, racconta Morgane Mahé, figlia del fondatore de Le Carré Français, il bretone Jildaz Mahé che, con lui, gestisce il locale di Prati. “Si narra che dal Giovedì Santo fino alla mattina della Pasqua non avvenisse nessun rintocco delle campane, perché secondo la leggenda queste erano tutte volate verso Roma per sentire l’annuncio della Resurrezione direttamente dal Papa – continua Morgane – Solo dopo avrebbero fatto ritorno in Francia per annunciare il lieto evento. Ed è durante il loro rientro che le campane lasciarono cadere a terra delle uova (che poi divennero di cioccolato) dando la possibilità ai più piccoli di cercarle e mangiarle”. Così in Francia, ancora oggi, durante la Quaresima si mettono da parte le Uova di cioccolato e solo a Pasqua, dopo averle fatte benedire e dipinte, diventano “i tesori” di una caccia che quest’anno viene proposta come idea “family friendly” negli spazi verdi di Roma.

Per le festività pasquali, poi, le Carré Français propone anche dei piatti classici della tradizione, che esaltano la stagionalità e che sono realizzati dai due Manager di Cucina Azzurra Vestita e Yaroslav Zakalyk, per le giornate di sabato 8, domenica 9 e lunedì 10 aprile prossimi. Se l’antipasto, le Uova in follia, sono quattro bocconi di uova sode ai sapori della primavera, con salmone, tartufo, gambero e asparagi, che ricordano le Uova Mimosa (14 euro), la portata principale è l’immancabile Agnello pasquale cotto per 19 ore, con una panatura fatta in casa e accompagnato da fagioli bianchi, come vuole la tradizione, da cipolle, asparagi e fave (28 euro). Infine, il dessert Fraisier (8 euro al tavolo e 6 a portar via), firmato dal pastry chef Robin Sabassier è un classico della tradizione francese di primavera, con le fragole, frutto dell’amore e dell’estate alle porte, le mandorle, simbolo di fertilità e di gioia, e il pan di Spagna, per un tocco di leggerezza al palato.

Per un picnic “en plein air”, amata tradizione romana per il giorno di Pasquetta, è possibile infine scegliere il cestino tipico francese, ideato per due persone (al costo di 80 euro) da Le Carré Français. La proposta prevede: due sandwich, in particolare delle mezze baguette (una delle quali farcita con prosciutto cotto e formaggio, l’altra con caprino, noci e miele.); un formaggio Brie de meaux, originario dell’île-de-France e realizzato con latte di mucca e a pasta morbida; dei cetriolini classici francesi; il Salame della contea del Perche, un insaccato della Normandia; il vino rosso, per accompagnare il tutto, originario della regione del Beaujolais (un Moulin-à-Vent fatto con uva Gamay, per conferire gusto di ciliegie al palato.); a completare l’offerta, dei biscotti al burro della Bretagna e un pane speciale “fait maison” ai fichi, uva e noci. Il cestino si può ritirare al locale (takeaway a partire dalle ore 9.30) o ricevere direttamente a casa, ordinandolo sul Quality delivery Cosaporto.it (https://cosaporto.it/partner/le-carre-francais/), dove sono disponibili anche alcuni piatti del menu, come pure le fragranti baguette, la selezioni di formaggi francesi, le bottiglie della Cave à vin interna e i dolci della Pâtisserie, come gli Éclairs al cioccolato o al caramello e i Macarons artigianali de Le Carré Français.