McDonald’s apre un nuovo ristorante a Baranzate Nel locale lavoreranno 50 persone

0
12
Si è tenuta a Baranzate l’inaugurazione del nuovo ristorante McDonald’s situato in via Milano 252; nel locale lavorano 50 persone.

Fra i temi al centro del progetto, l’inclusione, la sostenibilità ambientale e la tutela della qualità. L’obiettivo è quello di investire sulla formazione e sulla valorizzazione del personale creando posti di lavoro sicuri e offrendo ai giovani importanti occasioni di crescita.

Il ristorante è completo di corsia McDrive, grazie alla quale è possibile ordinare, pagare e ricevere il proprio ordine comodamente dalla propria auto. Nel locale si trova anche McCafé che, luogo ideale per una colazione o una pausa, offre ai clienti la possibilità di gustare con calma un caffè di qualità e un’offerta varia di soft drink e prodotti da forno, disponibili anche tramite il servizio McDrive.

Il ristorante ha 180 posti a sedere tra interno ed esterno. È inoltre dotato di kiosk digitali grazie ai quali è possibile ordinare in autonomia, personalizzando alcune ricette e modificando le quantità degli ingredienti. Una volta effettuato l’ordine ai kiosk, il cliente si può accomodare dove desidera, aspettando che i prodotti acquistati gli vengano serviti al tavolo direttamente dal personale McDonald’s. L’ordine può essere effettuato e gustato presso il ristorante anche richiedendolo direttamente dal proprio tavolo tramite app.

È previsto anche uno spazio dedicato ai bambini in sala e un’area giochi esterna, per intrattenerli durante la loro permanenza.

Il nuovo ristorante di Baranzate sarà aperto da domenica a giovedì dalle 7:00 alle 24:00, venerdì e sabato dalle 7:00 alle 2:00; mentre il servizio McDrive sarà disponibile da domenica a giovedì dalle 7:00 alle 1:00, venerdì e sabato dalle 7 alle 3:00. Nel locale, sarà inoltre attivo il servizio di McDelivery.

McDonald’s Baranzate, inoltre, è “sostenitore Forestami 2023”, il progetto di forestazione urbana della Città metropolitana di Milano nato per valorizzare e implementare le aree verdi e giungere, così, alla piantagione di 3 milioni di alberi entro il 2030. In proposito McDonald’s ha contribuito a donare numerose piante che verranno messe a dimora nel Comune di Bollate.

“Sono molto felice di questa apertura; di aver dato l’opportunità a tanti ragazzi di Baranzate e non solo, di poter lavorare. E di aver dato alle famiglie, ai giovani una nuova destinazione, un punto di ritrovo. Inoltre, il sostegno al progetto Forestami rimane un’attività in linea con uno dei Valori più importanti di McDonald’s, la Comunità. Supportando progetti legati al sociale e all’ambiente diamo un vero e concreto contributo alle Comunità Locali”, afferma Giacomo Bosia, Licenziatario McDonald’s di Baranzate e altri 21 ristoranti tra Milano e Hinterland.

Per Gianluca Comazzi, Assessore al Territorio e Sistemi verdi, Regione Lombardia: “La Regione ha voluto essere qui oggi per dimostrare gratitudine e riconoscenza al coraggio e alla passione di fare impresa in un momento difficile, in una realtà complessa. La possibilità di coniugare lavoro e tutela del pianeta rende questo un luogo di eccellenza. Dove c’è comunità c’è più sicurezza, abbiamo bisogno di questi presidi”.

Secondo Francesco Vassallo, Vicesindaco Città Metropolitana di Milano e Sindaco di Bollate: “Questa nuova iniziativa imprenditoriale è un importante segnale per l’area metropolitana di Milano. Particolarmente significativa l’attenzione al tema della sostenibilità, alla tutela del territorio e all’inclusività. Come istituzioni siamo vicini agli imprenditori e dobbiamo favorirli sempre di più liberandoli dalle pastoie burocratiche”.

Tra gli altri hanno preso parte all’evento:
 
Giorgio Mantoan, Consigliere Città Metropolitana di Milano, delegato allo Sviluppo Economico, Politiche Giovanili, Rapporti con Sistema delle Università, Forestazione urbana e Progetto ForestaMI, Coordinamento Fondi Europei;
Diana De Marchi, Consigliera Città Metropolitana di Milano, delegata alle Politiche del Lavoro, Politiche Sociali, Pari opportunità;
Francesco Variato consigliere città metropolitana e presidente prima commissione Bilancio e patrimonio.